Siamo seri!

La situazione che abbiamo denunciato (link all’articolo) è di una disarmante semplicità: in una situazione di crisi conclamata come quella attuale, gli agricoltori molisani sono costretti a scontare un altro gravoso fardello, l’inadeguatezza della politica e dell’organizzazione amministrativa di cui si è dotata.

Il dato incontestabile è che in Molise, a differenza di tutte le altre regioni d’Italia, i fondi relativi all’agricoltura biologica tardano ad essere liquidati. L’assessore naturalmente cerca di sfuggire alle sue responsabilità scaricando la colpa su AGEA, l’organo pagatore, ma come è possibile che questi ritardi li abbia solo con il Molise, perché le altre Regioni non hanno incontrato le stesse difficoltà?

La risposta può essere una soltanto: che i ritardi e le inefficienze riguardino solo noi ed in particolare solo la struttura amministrativa che Facciolla ha nominato e di cui è responsabile politico. Ed invece in perfetto stile Mondial Casa tenta di distrarre i cittadini con la solita propaganda, sbandierando risultati e primati mai raggiunti senza fornire a supporto alcun dato concreto.

E così il primato europeo (sic!!) svanisce d’incanto al cospetto dei freddi numeri, i quali rivelano che il Molise rispetto alla percentuale di avanzamento del programma è ben al di sotto della media nazionale (leggasi tabella allegata).

Il solito teatrino, le solite balle di fronte alle quali si potrebbe reagire con una sonora risata, se non fosse che questa situazione stia recando grave pregiudizio a migliaia di aziende agricole le quali attendono questo denaro che è loro dovuto. L’agricoltura in Molise, quella vera, esiste, e, grazie a una miriade di imprenditori, è in costante e continuo progresso, malgrado gli assessori.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *