Liquami in mare Termoli

Il depuratore del porto di Termoli e il fallimento della politica

Liquami in mare TermoliNon si può dire proprio un fulmine a ciel sereno quello che si è scagliato oggi contro l’amministrazione di Termoli e i responsabili della gestione dell’impianto di depurazione del porto. Infatti la Procura di Larino ha emesso il decreto di sequestro preventivo delle condotte di scarico in mare del depuratore del porto. Da alcuni passaggi della nota ufficiale della Procura pubblicati dai principali organi di stampa locale emergono due aspetti importanti.
Il primo è che “il provvedimento cautelare è scaturito a seguito di sversamenti dei reflui, INDEPURATI E MALEODORANTI, attraverso le condotte di scarico sottomarine, direttamente in mare, a pochi metri dalla costa.” A tal proposito facciamo notare che sono oltre due anni che il Movimento 5 Stelle denuncia il malfunzionamento del depuratore del porto e il concreto pericolo di scarichi in mare di liquami non depurati. È da molto tempo che il Sindaco e l’amministrazione vengono sollecitati ad intervenire e porre rimedio alla questione ma in tutta risposta abbiamo ottenuto finora solo feroci attacchi politici e mediatici, vessazioni, insulti e minacce strumentali di querela ad opera di chi evidentemente non ama Termoli ma è interessato esclusivamente al proprio tornaconto personale, e poco importa se a rimetterci siano i cittadini.
Il secondo, altrettanto grave, è che le attività di indagine “hanno determinato l’iscrizione nel registro degli indagati di amministratori e funzionari pubblici, nonché di responsabili della società di gestione dell’impianto, in relazione al mancato adeguamento strutturale e funzionale dell’intero impianto di depurazione.”
Ciò vuol dire che probabilmente in tutti questi anni l’impianto del depuratore del porto non sia stato sottoposto ai previsti interventi di adeguamento e questo ha comportato inevitabilmente il suo attuale stato di malfunzionamento con i conseguenti disagi connessi tra cui: le continue rotture, gli sversamenti di reflui indepurati direttamente in mare, l’impossibilità ad eseguire nuovi allacci idrici alle nuove abitazioni in città e addirittura ritardi nella consegna degli alloggi popolari.
La magistratura farà il suo corso e accerterà di chi siano le responsabilità per questa drammatica situazione ma oggi possiamo affermare che chi ha governato in tutti questi anni, al di là del colore politico, ha fallito poiché non è stato capace di amministrare la città di Termoli e di tutelare il suo territorio e il suo mare.

Di seguito i link ad alcuni articoli pubblicati in questi ultimi due anni di denuncia da parte del Movimento 5 Stelle:

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *